17 Luglio 2019
[]

percorso: Home

La Malattia

“La nostra fibromialgia ci accompagna …. ma dobbiamo cercare con la maggior conoscenza, di gestirla nel miglior modo possibile, per non arrivare a renderla sempre presente, e di conseguenza renderci sempre meno autosufficienti, ed è qui che il carico di stress correlato, causa delle acerbazioni della patologia stessa, avvia il paziente verso acutizzazioni.”


La fibromialgia, o sindrome fibromialgica, è una sindrome caratterizzata da dolore muscolare cronico diffuso associato a rigidità. Il termine deriva da fibra, di origine latina, a cui si aggiungono le parole greche moyos (“muscolo”) e algos (“dolore”).

Gli indici di infiammazione sono nella norma. Prevalentemente interessati dal dolore sono: la colonna vertebrale, le spalle, il cingolo pelvico, braccia, polsi, cosce. Al dolore cronico, che si presenta a intervalli, si associano spesso disturbi dell’umore e in particolare del sonno, nonchè astenia, ovvero affaticamento cronico, che spesso può essere tale da impedire al paziente lo svolgimento delle sue normali attività lavorative e personali.
Inoltre la non-risposta ai comuni antidolorifici nonchè il carattere “migrante” dei dolori sono peculiari della fibromialgia. Va segnalato inoltre, come la gran parte dei sintomi è comune ad altre due sindromi imparentate con la fibromialgia: la CFS (Chronic Fatigue Syndrome, cioè sindrome da fatica cronica), e la MCS (o Sindrome da multi-sensibilità chimica).
In tutte e tre, in vario grado è possibile osservare alterazioni in senso auto-immune del sistema immunitario dell’individuo affetto.

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata